HOME







  


Psicologa e psicoterapeuta, ipnositerapista e grafoanalista (Ordine Psicologi Lombardia). Esperienze nell'ambito della tutela minorile:  minori allontanati dalle famiglie di origine, maltrattamento e abuso, affido e adozione. Collaborazioni con il Tribunale dei Minori di Milano e con il Tribunale di Monza. Articoli su riviste di psicologia (Babele, Infanzia, Psicologia Contemporanea).                                                                       

Libri:  "Noi abbiamo un sogno", da cui è stato tratto il filmato "La nostra specie", con la regia di Lamberto Carrozzi: reperibile su you tube; diventato "Nosotros tenemos un sueno" nell'edizione spagnola uscita in Messico; "Indirezione contraria”;"Tra cuccioli ci si intende";"Sulla cattiva strada". 
Tutto nella sezione LIBRI.                               

 


Promotrice di un documento, sulle valenze antieducative della frequentazione dei bambini a spettacoli che impiegano in modo non rispettoso gli animali: riportato nella sezione DOCUMENTO PSICOLOGI.  
Autrice di una ricerca svolta sulla presenza dei piccoli animali nelle carceri della Lombardia: consultabile nella sezione RICERCHE 
 Dal 2003 componente del Consiglio Direttivo del Movimento Antispecista (www.movimentoantispecista.org).  

18 commenti:

  1. piacere di leggerti, Annamaria. Giovanni :)

    RispondiElimina
  2. ce n'è di strada da percorrere ... lunga ed in salita !
    il mio sogno (uno dei tanti) è l'introduzione del menu vegetariano almeno una volta al mese nelle scuole, ospedali, caserme.
    Per uscire dal pensiero unico!
    saluti rigorosamente vegetariani e antispecisti
    Stefano Bernardi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti le iniziative possibili sono infinite: ne partisse qualcuna. l'immobilismo della classe politica è esiziale anche in materia di animali. ciao Stefano

      Elimina
  3. Ho finito di leggere "Sulla cattiva strada"
    ogni giorno affrontiamo un mondo pieno di atrocità, violenze e soprusi nei confronti degli animali..e abbiamo costante bisogno di buone notizie, per trovare nuove energie e nuovi stimoli a continuare nel nostro
    impegno per un cambiamento.
    Il suo libro è buono, pieno di speranza
    Luigi

    RispondiElimina
  4. Grazie. E' un giudizio molto bello. Annamaria

    RispondiElimina
  5. Ciao Annamaria, sto svolgendo un progetto per l'università. Ho letto una tua dichiarazione riguardo l'influenza dello zoo sui bambini. Pensi che il circo abbia lo stesso effetto negativo? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa. Se vuoi, sotto la voce Documento Psicologi, trovi la dichiarazione sottoscritta da oltre 650 colleghi. Ovviamente ci sono dei distinguo da fare, perchè un bioparco non può certo essere messo alla stessa stregua della corrida. Esistono comunque alcune dinamiche che sono comuni, e che poi devono essere coniugate in termini di gravità. se posso esserti utile mi farà piacere. Buona giornata. Annamaria

      Elimina
  6. Complimenti per il tuo lavoro, la tua sensibilità ed il tuo impegno Annamaria, è un vero piacere averti conosciuta.

    RispondiElimina
  7. Grazie Cristina. E' un piacere anche per me!

    RispondiElimina
  8. Buongiorno
    È un sollievo leggere quello che scrive, ma io avrei bisogno anche di un supporto psicologico, dove posso trovare un recapito per contattarla personalmente
    La ringrazio
    Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia mail è annia.manzoni@fastwebnet.it

      Elimina
  9. Chiara Pennisi9 giugno 2017 05:49

    Ciao Annamaria, sono una ragazza del liceo scientifico che ha letto il tuo libro 'Sulla cattiva strada'. Ho trovato nel tuo libro autori già studiati durante la mia formazione scolastica e questo mi ha permesso di approfondire i pensieri di questi personaggi. In sede d'esame porterò la tematica del mondo animale agganciandomi proprio agli autori da te accennati nel libro. grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono davvero contenta Chiara. Fammi sapere come sarà andata. In bocca al lupo e ...che abbia lunga vita.Un abbraccio

      Elimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gent. Sig. Speciale,
      non siamo veterinari, come giustamente sottolinea lei. Per questo assumiamo informazioni dai veterinari. E abbiamo così appreso che la Federazioneione Europea dei Veterinari e la Federazione Italiana Ordine dei Veterinari http://www.lav.it/cpanelav/js/ckeditor/kcfinder/upload/files/files/FVE_Posizione%20ufficiale_VS%20ITALIANO.pdfè hanno pubblicato un documento in cui dichiarano: «L’ uso di ogni specie animale (…) in ogni forma di intrattenimento, viaggio o simili situazioni dovrebbe essere vagliata da considerazioni scientifiche ed etologiche. (...) Non esiste un beneficio di carattere educativo, di ricerca e di conservazione derivante dall’utilizzo dei mammiferi selvatici in circhi con animali che possa giustificare il loro utilizzo. Oltre alle considerazioni sul benessere, l’uso di mammiferi selvatici nei circhi può apportare dei seri rischi alla salute animale, alla salute pubblica e alla sicurezza. Questi mammiferi selvatici possono causare dei danni fisici al pubblico, ai loro gestori e possono essere fonte di trasmissione di zoonosi. (...) Su queste basi, FVE (Federazione Veterinari Europei) , con l’ intento di ‘promuovere la salute animale, il benessere animale e la salute pubblica in tutta Europa’ raccomanda a tutte le autorità competenti nazionali e Europee di proibire l’uso di mammiferi selvatici nei circhi con animali in Europa dato che non esiste alcuna possibilità che i loro bisogni psicologici, mentali e sociali possano essere soddisfatti. (...)»
      Quindi alla sua domanda se esistono studi medico veterinari al proposito, la risposta è SI. L'invito a pubblicarli l'ho raccolto dandole le informazioni di cui sopra.
      Può anche leggere la dichiarazione di Eurogroup for Animals proprio sui bisogni etologici e sul benessere degli animali selvatici nei circhi http://www.lav.it/cpanelav/js/ckeditor/kcfinder/upload/files/files/DichiarazioneBisogniEtologici%20lm_ITA.pdf Gli scienziati firmatari di questo documento, autori di ampie e approfondite ricerche su etologia, ecologia, biologia della fauna selvatica, ritengono che «(...) Gli animali selvatici nei circhi sono individui costretti ad adattarsi e sottomettersi agli esseri umani. (…) Il tipo di addestramento utilizzato influisce fortemente sul benessere degli animali (...). In generale, i circhi non riescono a soddisfare nemmeno le esigenza sociali, territoriali e sanitarie più elementari degli animali selvatici.»

      Quanto alla positività del rapporto bambini-animali, la bibliografia è piuttosto articolata: posso consigliarle la lettura dei testi di Jeffrey Masson, ma anche lo studio di come è nata l'intuizione allo psichiatra Boris Levinson per dare inizio alla pet-therapy; anche lo psicologo statunitense Frank Ascione ha scritto al proposito: tra i primi firmatari del documento ci sono docenti universitari di chiarissima fama, tra cui studiosi di psicologia evolutiva.
      Le sue accuse di falsare la verità, risultano francamente offensive. Quanto alla sua determinazione di continuare a portare suo figlio al circo, dovrà sbrigarsi, perchè l'uso degli animali esotici nei circhi, già bandito da oltre trenta paesi, è oggetto di un DDL a firma Franceschini, molto probabilmente di prossima conversione in legge, in base a quelle considerazioni che lei taccia di retorica, becera ignoranza e mistificazione.
      Annamaria Manzoni

      Elimina
  11. Bellissimi i 2 video, vorrei tanto avere la sua calma e pacatezza nell'esposizione; purtroppo a me certe persone fanno proprio ingazzare e uso concetti forti che danno il risultato contrario. Mi sono serviti proprio soprattutto per questo i suoi video. Sono vegana da 5 anni e sono rinata nel fisico, nella mente e nello spirito. Grazie buona giornata ciao ciao

    RispondiElimina