venerdì 27 dicembre 2019

LETTERA APERTA ALLE SARDINE


Carissime sardine, è il vostro momento: giovani, belli, entusiasti, arrabbiati ma senza fiele, riuscite nel confronto a stravincere sui vostri interlocutori: loro ripetitori mai afoni di stantii slogan elettorali, voi amplificatori di ideali; tutti vi cercano e tutti vi vogliono e voi vincete facile, esentati dalla necessità di perimetrare ogni valore entro i must sanciti dall’economia. Ma nel momento magico (e irripetibile) in cui la vostra idea del mondo parla di giustizia, di nonviolenza, di inclusione, di rispetto, di rifiuto di ogni prepotenza e prevaricazione, il vostro silenzio sugli animali nonumani risuona assordante. Benchè liberi dalla necessità di un confronto diretto con allevatori, macellai, circensi, case farmaceutiche, lobbies delle armi, dei cacciatori e dei pescatori, persino botticellai, con tutti coloro, insomma, sul cui altare ogni giorno viene venduta e svenduta l’idea di un mondo più giusto verso tutti i più deboli di chiunque altro debole, siete davvero disinteressati e indifferenti verso la più grande di tutte le ingiustizie, quella ai danni degli Animali? Proprio voi, cresciuti nella consapevolezza mediatica di tutto l’orrore su cui è costruito il nostro modo di vivere, avete già risottolineato il confine fittizio tra umano e nonumano a ribadire che , oltre tale confine, ogni violenza è lecita, ogni abuso giustificabile? All’incredulità e allo sconcerto di chi non vuole crederci, sarebbe bello arrivasse da voi una risposta; una risposta in grado di fornire speranze a tutti gli Animali, a partire da quelle sardine che non dovrebbero pagare finendo in padella il prezzo della popolarità che avete loro dato.(Pubblicata su facebook il 9 dicembre 2019)

Nessun commento:

Posta un commento